Povero Zingarelli

11:55

Da diversi mesi ormai, il mio vicino di casa ha posizionato un cartello che avrà fatto rivoltare nella tomba il povero Nicola Zingarelli (il papà di dell'omonimo Dizionario della lingua italiana).



Ogni mattina ci passo davanti, lo guardo e non so se ridere o incazzarmi.

Non so per quanto ancora riuscirò a non cedere alla  tentazione di prendere un pennarello rosso e posizionare la povera R abbandonata chissà dove e chissà per quale motivo.

Non garantisco nulla.

Potrei farlo anche domani mattina mentre mi reco al lavoro o forse  sarebbe meglio farlo nottetempo lontana da sguardi indiscreti.

Peraltro in questi giorni mi sento nervosa ed acida, causa colite arrivata da un giorno all'altro senza averla mai conosciuta prima.

Diciamoci la verità. Sopporto con pazienza i miei malanni cronici, quasi mi ci sono affezionata. 
Ma quelli nuovi che arrivano così improvvisamente mi fanno un po' girare le palle.

Semplicemente mi sono svegliata una mattina con una pancia gonfia come un pallone, una pancia che non avevo manco al quinto mese di gravidanza.

Potrebbe trattarsi di intolleranza al latte (e ai suoi derivati) e allora stamattina mi sono sottoposta al test del lattosio.
In pratica, completamente a digiuno per tutta la mattina, ho dovuto bere un composto schifosissimo che aveva lo stesso sapore del latte. 
Probabilmente a qualcunaltro sarebbe piaciuto e l'avrebbe gradito come colazione, ma non io. 
Io detesto il latte da quando avevo circa 7 anni. Non ne sopporto l'odore. Al mattino appena sveglia non ne posso sopportare nemmeno la vista.

Ma ormai è andata, è perfettamente inutile lagnarsi. Non mi resta che aspettare i risultati.

You Might Also Like

8 commenti

  1. In bocca al lupo per l'intolleranza. E per il vicino analfabetico ;)

    RispondiElimina
  2. l'errore commesso dal vicino è tra i + comuni, io in ufficio ho un vero campionario di orrori.
    X la colite ne soffro da quando avevo 13 anni e non mi sono mai veramente abituata.

    RispondiElimina
  3. oh no l'intolleranza al latte no! io ne sono allergica...altro che pancia gonfia..però l'intolleranza è più fastidiosa, perchè io so di non poterne bere nemmeno una goccia con le intolleranze (come la mia per le noccioline) non sai mai quanto puoi osare..
    Guarda, i miei vicini collezionano strafalcioni linguistici..tipo chiusura del aqua... manutesione (manutenzione).. verra (verrà)..io fotografo tutto e....correggo con la penna rossa!!!!! ahahahah sono tremenda! =)

    RispondiElimina
  4. Pure io non sopporto il latte (l'ho scritto proprio oggi!).
    Una volta mi si gonfiava spesso lo stomaco ma era semplicemente gastrite nervosa... Prendi il pennarello rosso, facci un segnaccio, aggiungici la R e completa il tutto con un votaccio sotto

    RispondiElimina
  5. hee hee anche io probabilmente sarei tentata di correggere quel cartello.... è tremendo!
    mi spiace per la colite... e te lo dice chi ha la colite spastica da sempre... e ci convivo... o ci provo!
    Baci
    Clelia

    RispondiElimina
  6. Ciao cara... anche io non riuscirei a resistere alla tentazione di aggiungere la "r" ma ti prego se lo fai... fai un'altra foto!!!!! ;DD
    Per l'intolleranza cara ti capisco, io qualche anno fa una mattina mi sono svegliata tutta gonfia, come una mongolfiera... mani gonfie, caviglie gonfie, ghiandole gonfie occhi gonfi... mi mamma la mattina (viveo ancora con lei) si è spaventata... e così ho scoperto di essere allergica ai lieviti... per un'amante della pizza come me non puoi capire la tragedia... per il pane sopravvivo... ma una pizza ognitanto ci vuole!! =)
    un abbraccio cara

    RispondiElimina
  7. Beh, mentre aspetti i risultati... tanto per ingannare l'attesa... una R in rosso a quel cartello si potrebbe anche aggiungere, volendo ;)

    RispondiElimina
  8. io dico VAI DI PENNARELLONE ROSSO!! SUBITO!!!
    kiss
    S.

    RispondiElimina

Che cosa ne pensi?
Il tuo commento è sempre gradito

Si è verificato un errore nel gadget